mar 31/1 Claudio Morandini, gio 2/2 Nicolò Migheli, le rubriche e i prossimi appuntamen​ti


Cari amici, ecco in sintesi gli appuntamenti di mieleamaro per la prossima settimana:

martedì 31 gennaio Rapsodia su un solo tema. Colloqui con Rafael Dvoinikov (Manni) di e con Claudio Morandini;
giovedì 2 febbraio Hidalgos di e con Nicolò Migheli;
Trovate di seguito gli altri appuntamenti già programmati per febbraio insieme alle nostre due imperdibili rubriche: Per rinfrancar lo spirito… tra un libro e l’altro e Un libro, un film.
Buona lettura 
 

MIELEAMARO IL CIRCOLO DEI LETTORI

con il sostegno di 
 
presenta:
 
martedì 31 gennaio alle ore 19,00 e alle 21,30
Caramelle dagli sconosciuti a Cagliari

  
Rapsodia su un solo tema. Colloqui con Rafael Dvoinikov (Manni) di Claudio Morandini
 

Martedì 31 gennaio alle 19.00 presso la libreria Miele Amaro (che si chiama come noi ma non è noi) in via Manno 88 a Cagliari Rapsodia su un solo tema. Colloqui con Rafael Dvoinikov (Manni) di e con Claudio Morandini. Introduce: Simone Belfiori.
 
In tutta la Rapsodia su un solo tema, Claudio Morandini pare dire una sola cosa: giocare con gli stilemi della scrittura postmoderna non vuol dire per forza di cose oscillare tra debole e forte. Semmai, significa lasciar scorrere le dita sulla tastiera di un piano/forte. Leggiadra e certamente molto più aggraziata di questa battuta è la scrittura di Morandini, al suo terzo romanzo dopo Nora e le ombre (Palomar, 2006) e Le larve (Pendragon, 2008). È con grazia, infatti, prima che con altri mezzi, che lo scrittore aostano conduce per mano il lettore in questi Colloqui con Rafael Dvoinikov – sottotitolo del romanzo – facendolo passare attraverso una miriade di testualità differenti, un caleidoscopio di esperienze diverse: il diario di Ethan Prescott (nel ruolo dell’intervistatore, mentre Dvoinikov è l’intervistato; a volte, però, bouleversement: accade il contrario); il racconto in prima persona di Dvoinikov; la descrizione proto-saggistica delle opere di quest’ultimo; la trascrizione di un trattato del Settecento; una serie di note anarchiche e dissacranti…
[lorenzo mari – malicuvata.it]
Martedì 31 gennaio alle 21.30 al caffé barcellona, via barcellona 84 – Cagliari, Letture pubbliche da Rapsodia su un solo tema. Colloqui con Rafael Dvoinikov (Manni) di Claudio Morandini
 

giovedì 2 febbraio ore 19
Manàmanà di piazza Savoia a Cagliari

“Niente è come sembra, tutto può succedere, nulla si deve dare per scontato”
Hidalgos, Arkadia, di e con Nicolò Migheli
 

giovedì 2 febbraio alle 19 al Manàmanà di piazza Savoia a Cagliari, Hidalgos, Arkadia, di e con Nicolò Migheli. Intervengono Salvatore Cubeddu e Antonello Murgia
 
Hidalgos Un omicidio, un’eredità contesa, una strage di animali. Gli avvenimenti del ’27 si stagliano sullo sfondo di un piccolo paese dell’interno dove le lotte tra fascisti e antifascisti vanno a sommarsi ai mai sopiti contrasti tra famiglie rivali. Amore, gelosia, solitudine, crudeltà si mischiano in un vortice di fatti che sconvolgono la pacifica quotidianità della comunità, rischiando di distruggerla completamente. Sarà questo il mondo che dovrà conoscere il giovane maresciallo dei carabinieri Alberto Contorsi, impegnato, fin dal suo arrivo nel paese, a scoprire l’autore di un efferato delitto. Alla ricerca della verità, Contorsi si accorgerà presto che quello che sembrava un posto solitario e semplice, in realtà è un luogo complesso, squassato da mille contrasti, dominato da personaggi ambigui e determinati a conservare il proprio potere. Un intreccio avvincente, che rievoca un periodo di transizione fondamentale per la nostra storia, nel passaggio tra democrazia e dittatura, tra decadenza dei ceti nobiliari e ascesa di quelli imprenditoriali e borghesi, dove la finzione letteraria riesce a penetrare fin nel profondo un mondo che si trasforma.
 
Nicolò Migheli – Sociologo, si occupa di sviluppo rurale e di comportamento organizzativo. Ha al suo attivo diverse pubblicazioni di carattere scientifico, molte delle quali dedicate alla cultura, alla storia, alla tradizione di vari territori e comunità sarde. È anche autore di numerosi interventi e articoli su agricoltura, pastorizia, cibo e altre tematiche collegate alla conservazione e gestione dei saperi e peculiarità dell’isola. Hidalgos è il suo romanzo d’esordio.
 

PROSSIMAMENTE CON MIELEAMARO
 
 

Venerdì 10 febbraio alle 19,30 al Manàmanà, Geometrie di libertà (Il Maestrale) di e con  Alberto Masala. Introduce Alessandra Pigliaru

 
Sabato 11 febbraio alle 18,30 a Dolianova, Biblioteca Comunale di piazza Europa, Doppio cielo (Il Maestrale) di e con Giulio Angioni e le letture di Gaetano Marino.
 

Per rinfrancar lo spirito… tra un libro e l’altro 
 

Un libro, un film

da Il pasto nudo di David Cronemberg (1991). Il film è tratto dal romanzo Pasto nudo dello scrittore statunitense William S. Burroughs, pubblicato prima in Franciua nel 1959 e solo nel 1962 negli USA, in una differente edizione voluta dall’amico di Burroughs Allen Ginsberg  
 

volete segnalare un film tratto da un libro fatelo alla mail infomieleamaro1@gmail.com

Annunci

martedì 24, giovedì 26, sabato 28: mieleamaro per tre e una nuova rubrica

Cari amici,

ecco i tre appuntamenti di mieleamaro per la prossima settimana:

– martedì 24 Nel grande show della democrazia di e con Marco Busonetto

– giovedì 26 A loro il tentativo di chiudermi a metà di e con Simone Olla

– sabato 28 a Dolianova:. 1 ORIZZONTALE: anagramma di tremo di e con Andrea Serra

Trovate di seguito gli altri appuntamenti già programmati per febbraio insieme all’immancabile rubrica Per rinfrancar lo spirito… tra un libro e l’altro e la nuova fiammante e scoppiettante rubrica: Un libro, un film.

Buona lettura

 

 

MIELEAMARO IL CIRCOLO DEI LETTORI

con il sostegno di 

 

 presenta

martedì 24 gennaio alle ore 19,00 e alle 21,30

Caramelle dagli sconosciuti a Cagliari

 

Nel grande show della democrazia (Laurana) di Marco Bosonetto

 

Martedì 24 gennaio alle 19.00 presso la libreria Miele Amaro (che si chiama come noi ma non è noi) in via Manno 88 a Cagliari Nel grande show della democrazia (Laurana) di e con Marco Bosonetto. Introduce: Massimo Spiga.

 

Il romanzo di Marco Bosonetto è diviso in due parti, che corrispondono a due giorni di settembre, il tre

e il quattro settembre. Un elenco dei personaggi principali, in apertura, annuncia al lettore che Nel

grande show della democrazia il ministro unico della Repubblica Italiana diviene tale dopo un Campionato

nazionale di televoto, che esiste un Dipartimento Pace Sociale settore Vagabondaggio e Alcolismo, che

la Campagnaper lo Sradicamento dell’Adolescenza Prolungata è una politica di governo che non

scandalizza più nessuno, che il ministro unico in carica è un ex imitatore televisivo, che il calcio è

ancora lo sport nazionale più seguito e diffuso.

[grigi bolero – malicuvata.it]

Martedì 24 gennaio alle 21.30 al caffé barcellona, via barcellona 84 – Cagliari, Marco Bosonetto in reading da Nel grande show della democrazia (Laurana)

 

giovedì 26 gennaio ore 19

Manàmanà di piazza Savoia a Cagliari

“rivisitazioni a chiudersi, pezzi di romanzi a metà, poesie, lettere, scritti metapolitici. Un discorso senza capo né coda musicato da chopin, django reinhardt, coro bachis sulis; un libro, anche”

 

A loro il tentativo di chiudermi a metà di Simone Olla

 giovedì 26 gennaio alle 19 al Manàmanà di piazza Savoia a Cagliari, A loro il tentativo di chiudermi a metà, di e con Simone Olla. Intervengono Alessandra Pigliaru e Gianni Stocchino. Per chi vuole arrivare preparato, QUI gratis la versione elettronica del romanzo.

Braccia conserte e faccia in direzione del sole, occhi chiusi, non sei tu silenziosa davanti al secondo caffè, troppo silenziosa e sola ti guardi attorno, non sei tu che cammini con una borsetta tenuta stretta, hai capelli color di ruggine? Non sei tu con la musica dentro le orecchie, in piedi dentro la piazza, quasi al centro, leggi un libro? Vai veloce col passo e rallenti prima del primo gradino e poi di nuovo veloce. Fumo ancora se vuoi, hai detto che il sapore della sigaretta ti piace; fumo ancora per mantenere il sapore; bevo un altro sorso d’acqua, mi alzo e ti aspetto ti cerco ti togli la maglia perché è caldo oggi, arriverai dai portici dietro di me o ti farai largo fra i tavolini del bar? Guardo lontano per saperti vicina, ma puoi essere tutti, ogni battito di questa piazza, ogni bambino, perfino quel vecchio che passeggia col cane.

sabato 28 gennaio ore 18,30 a Dolianova

Circolo Dolia di corso Repubblica

Alcune parole sbattono tra lingua e palato e non riusciamo a farle uscire.

Parole prigioniere che imprigionano i pensieri.

Parole che diventano tabù.

  

1 ORIZZONTALE: anagramma di tremo. Monologo a più voci di Andrea Serra

 

 Sabato 28 gennaio a Dolianova, alle 18,30 al Circolo Dolia di Corso Repubblica, 1 ORIZZONTALE: anagramma di tremo, Monologo a più voci. Di Andrea Serra. Con Andrea Serra e Daniele Serra

PROSSIMAMENTE CON MIELEAMARO

 

Giovedì 2 febbraio alle 19 al Manàmanà Hidalgos, Arkadia, di e con Nicolò Migheli. Intervengono Salvatore Cubeddu e Antonello Murgia.

 

Venerdì 3 febbraio alle18,30 a Dolianova, Biblioteca Comunale di piazza Europa, serata dedicata alla Memoria, con Doppio Cielo (Il Maestrale) di e con Giulio Angioni e le letture di Gaetano Marino.

 

Venerdì 10 febbraio alle 19,30 al Manàmanà, Geometrie di libertà (Il Maestrale) di e con  Alberto Masala. Introduce Alessandra Pigliaru

 Per rinfrancar lo spirito… tra un libro e l’altro

 

Un libro, un film

Arancia meccanica (A Clockwork Orange) è un film del 1971 diretto da Stanley Kubrick.
Tratto dall’omonimo romanzo scritto da Anthony Burgess nel 1962

Eccomi là. Cioè Alex e i miei tre drughi. Cioè Pete, Georgie e Dim. Ed eravamo seduti nel Korova Milk Bar, arrovellandoci il gulliver per sapere cosa fare della serata. Il Korova Milk Bar vende latte+, cioè diciamo latte rinforzato con qualche droguccia mescalina, che è quel che stavamo bevendo. È roba che ti fa robusto, e disposto all’esercizio dell’amata ultraviolenza

Cari amici,

ecco in pillole la settimana di mieleamaro:

– martedì 17 Aspetta primavera, Lucky di e con  Flavio Santi;

– giovedì 19 Lo sa il vento di e con Carlo Porcedda, Maddalena Brunetti. E con Pino Cabras. A seguire la cena.

Tutti gli appuntamenti di gennaio e i primi di febbraio li trovate di seguito insieme all’immancabile rubrica Per rinfrancar lo spirito… tra un libro e l’altro

Vi segnaliamo inoltre Ananti de sa ziminera festival letterario diffuso in programma dal 20 gennaio al 18 febbraio a Bauladu, Milis, Narbolia, Nurachi, Tramatza  

Buona lettura

 

MIELEAMARO IL CIRCOLO DEI LETTORI

con il sostegno di 

 

 martedì 17 gennaio alle ore 19,00 e alle 21,30

Caramelle dagli sconosciuti a Cagliari

 

Aspetta primavera, Lucky (Edizioni Socrates) di Flavio Santi

 Martedì 17 gennaio alle 19.00 presso la libreria mieleamaro (che si chiama come noi ma non è noi) in via Manno88 a Cagliari Aspetta primavera, Lucky (Edizioni Socrates) di e con Flavio Santi. Introducono: Luca Congia e Mattia Piano.

Espunta da un’epistemologia relativista e, più in generale, da una visione del mondo a tutto tondo, la frase “la letteratura non dà risposte, deve limitarsi a fare delle domande” rischia di banalizzarsi, di ridursi a mero luogo comune, di non essere più la spia di un’autentica disposizione alla ricerca, ma, anzi, di essere soltanto il segnale di una beatitudine compiaciuta e soddisfatta di sé (che si accompagna, spesso e volentieri, a una condizione di pallida e mortificante inazione).
Aspetta primavera, Lucky (Edizioni Socrates, collana Luminol, 2011) di Flavio Santi, invece, è un esempio, uno degli esempi più recenti, di come la scrittura letteraria si eserciti nella costruzione di storie (o di altri artefatti linguistici, non per forza narrativi) per offrire alle ipotesi che ci si pone una o più possibili soluzioni, che non sono necessariamente le più calzanti o le più giuste, ma che servono a legittimare l’impresa letteraria, nonché la sua presa sulla vita.
[lorenzo mari – malicuvata.it]

Martedì 17 gennaio alle 21.30 al caffé barcellona, via barcellona 84 – Cagliari, Flavio Santi in reading da Aspetta primavera, Lucky (Edizioni Socrates)

giovedì 19 gennaio ore 19 e ore 21

Manàmanà di piazza Savoia a Cagliari

“Lo sa il vento come vanno le cose in Sardegna” Paolo Fresu

 

Lo sa il vento. Il male invisibile della Sardegna Edizioni Verdenero, di Carlo Porcedda e Maddalena Brunetti

 giovedì 19 gennaio alle 19 al Manàmanà di piazza Savoia a Cagliari, Lo sa il vento – Verdenero di e con Carlo Porcedda e Maddalena Brunetti. Conduce l’incontro Pino Cabras. A seguire A cena con… intermezzi di letture e proiezioni da Lo sa il vento e menu da 20 € da leccarsi i baffi (prenotazioni allo 070651759).

Un libro per cui sono state spese tante energie e tanta passione per cercare, ancora una volta, di raccontare quello che succede ogni giorno in Sardegna, l’isola di cui difficilmente si legge sulla stampa nazionale, se non per le vicende modaiole del Billionaire. Lo sa il vento è un viaggio in alcuni angoli d’inferno che stanno dietro le quinte di un paradiso, la storia paradossale della terra che vede alcuni dei più incontaminati e suggestivi tratti di Mediterraneo convivere con bombe ambientali sul punto di esplodere: inquinamento elettromagnetico, fanghi tossici, rifiuti pericolosi, scorie che un selvaggio abuso militare e industriale porta con sé, e ancora poligoni militari, la più grande raffineria del bacino del Mediterraneo, uno stuolo di produzioni industriali ad alto impatto sanitario ambientale.  Dopo decenni di complicità, omissioni e silenzi, c’è chi contro le guerre simulate e gli abusi mascherati ha dichiarato una vera e quotidiana battaglia. Quella per avere la verità sul proprio destino.

Gli autori dell’inchiesta sono due bravi e coraggiosi giornalisti, Carlo Porcedda, collaboratore di diverse testate tra cui L’Espresso e Repubblica, e Maddalena Brunetti, cronista di nera e giudiziaria, cagliaritana di adozione e collaboratrice di Sardegna Quotidiano e l’Agi. Pino Cabras è Direttore Editoriale di Megachip – Democrazia nella comunicazione (e ho detto tutto!)

 

PROSSIMAMENTE CON MIELEAMARO

 

Martedì 24 gennaio alle 19 e alle 21,30 per Caramelle dagli sconosciuti Nel grande show della democrazia (Laurana)di e con Marco Bosonetto. Introduce: Massimo Spiga

 

Giovedì 26 gennaio alle 19 al Manàmanà, A loro il tentativo di chiudermi a metà di e con Decimo Pirenaica

 

Sabato 28 gennaio a Dolianova, alle 18,30 al Circolo Dolia di Corso Repubblica, 1 ORIZZONTALE: anagramma di tremo, Monologo a più voci. Di Andrea Serra. Con Andrea Serra e Daniele Serra

 

Giovedì 2 febbraio alle 19 al Manàmanà Hidalgos, Arkadia, di e con Nicolò Migheli.

 

Venerdì 3 febbraio alle18,30 a Dolianova, Biblioteca Comunale di piazza Europa, serata dedicata alla Memoria, con Doppio Cielo (Il Maestrale) di e con Giulio Angioni e le letture di Gaetano Marino.

 

Venerdì 10 febbraio alle 19,30 al Manàmanà, Geometrie di libertà (Il Maestrale) di e con  Alberto Masala. Introduce Alessandra Pigliaru

 

 Per rinfrancar lo spirito… tra un libro e l’altro

martedì 10/1/2012 la Caramella è Terra Mala; poi tutti i prossimamente

Cari amici ,
iniziamo il 2012 con un vagone carico carico di appuntamenti che vi invitiamo a scoprire leggendo questo post che si chiude come di consueto con la rubrica Per rinfrancar lo spirito… tra un libro e l’altro. E siccome sono sempre tanti quelli tra noi “che vorrebbero ma non possono”, quelli che scorrendo il programma degli appuntamenti che settimanalmente proponiamo rinuncia a partecipare perché a quell’ora lavoro, perché tengo famiglia, perché il tempo non basta mai, perché sto lontano, perché ho comprato la tv nuova e mi sono abbonato a sky, perchè tanto la fine del mondo è fra una settimana… Per tutti questi è in arrivo la nostra rivoluzione on line, con nuove proposte di lettura e partecipazione. Seguiteci.
Buona lettura 
 
 

MIELEAMARO IL CIRCOLO DEI LETTORI

presenta
 

martedì 10 gennaio alle ore 19,00 e alle 21,30
Caramelle dagli sconosciuti a Cagliari

Terra Mala – Il Maestrale di Rossana Copez e Giovanni Follesa

Martedì 10 gennaio alle 19.00 presso la libreria mieleamaro (che si chiama come noi ma non è noi) in via Manno 88 a Cagliari Rossana Copez e Giovanni Follesa presentano Terra mala (Maestrale). Introduce: Ornella Demuru
 
Tempeste, barche e voci imploranti aiuto, un’acqua che erompe da un tempo oscuro e remoto: le notti di Adele – stralunata avvocatessa romana con un debole per i fiorellini e i vestitini arricciati – sono abitate da incubi che al risveglio si trasformano in una pelle dal sapore salmastro. Incubi che, lentamente, la stanno consumando. Decide così di rivolgersi al dottor Sainas, ambiguo psicanalista che, per curarla, la spedisce inspiegabilmente in Sardegna. Dapprima titubante, poi disperata, Adele si reca nell’isola per tentare di capire cosa le stia accadendo. In una Cagliari che le apparirà come un santuario di luce, incontra Gabriele – giovane appassionato di occultismo – che la condurrà in un mondo d’amore e morte: cosa cerca ossessivamente il ragazzo, insieme ai suoi amici, in quelle sedute medianiche? E cosa lega Adele a don Pierpaolo, un prete in confitto, diviso tra l’amore per Dio e quello per una donna? Perché il dottor Sainas sembra essere così coinvolto dalla vicenda della sua paziente? Le risposte si intrecciano e confondono in un arazzo dai colori chiari ma anche foschi, tessuto da mani antiche, in luoghi ancestrali e marini, luoghi dove è nascosto un tesoro che potrebbe essere la spiegazione di ogni cosa. Eppure il vero protagonista del romanzo è il mare, tormentato da onde che si frangono in cerca di pace, un mare che travolge alcune esistenze per poi lambirne dolcemente altre. In un thriller esoterico dai cupi contorni, gli autori ci mostrano, con stile a tratti asciutto, ma al contempo vivace, una storia lunga cinquecento anni che, proprio attraverso il fuire del tempo, troverà la sua compiutezza.
 
Martedì 10 gennaio alle 21.30 al caffé barcellona, via barcellona 84 – cagliari, Lettura pubblica da Terra mala (Maestrale) di Rossana Copez e Giovanni Follesa

 

martedì 17 gennaio alle ore 19,00 e alle 21,30
Caramelle dagli sconosciuti a Cagliari

 
Aspetta primavera, Lucky (Edizioni Socrates) di Flavio Santi
 
 

Martedì 17 gennaio alle 19.00 presso la libreria mieleamaro (che si chiama come noi ma non è noi) in via Manno 88 a Cagliari Aspetta primavera, Lucky (Edizioni Socrates) di e con Flavio Santi. Introducono: Luca Congia e Mattia Piano.
 
Espunta da un’epistemologia relativista e, più in generale, da una visione del mondo a tutto tondo, la frase “la letteratura non dà risposte, deve limitarsi a fare delle domande” rischia di banalizzarsi, di ridursi a mero luogo comune, di non essere più la spia di un’autentica disposizione alla ricerca, ma, anzi, di essere soltanto il segnale di una beatitudine compiaciuta e soddisfatta di sé (che si accompagna, spesso e volentieri, a una condizione di pallida e mortificante inazione).
Aspetta primavera, Lucky (Edizioni Socrates, collana Luminol, 2011) di Flavio Santi, invece, è un esempio, uno degli esempi più recenti, di come la scrittura letteraria si eserciti nella costruzione di storie (o di altri artefatti linguistici, non per forza narrativi) per offrire alle ipotesi che ci si pone una o più possibili soluzioni, che non sono necessariamente le più calzanti o le più giuste, ma che servono a legittimare l’impresa letteraria, nonché la sua presa sulla vita.
[lorenzo mari – malicuvata.it]

Martedì 17 gennaio alle 21.30 al caffé barcellona, via barcellona 84 – Cagliari, Flavio Santi in reading da Aspetta primavera, Lucky (Edizioni Socrates)

 
giovedì 19 gennaio ore 19,30 – 21,00
Manàmanà di piazza Savoia a Cagliari

“Lo sa il vento come vanno le cose in Sardegna” Paolo Fresu
 

Lo sa il vento. Il male invisibile della Sardegna Edizioni Verdenero, di Carlo Porcedda e Maddalena Brunetti

giovedì 19 gennaio alle 19 al Manàmanà di piazza Savoia a Cagliari, Lo sa il vento – Verdenero di e con Carlo Porcedda e Maddalena Brunetti. A seguire a cena con. Menu da leccarsi i baffi a 20€ (compresa stiratura) Prenotazioni allo 070 651759
 
Un libro per cui sono state spese tante energie e tanta passione per cercare, ancora una volta, di raccontare quello che succede ogni giorno in Sardegna, l’isola di cui difficilmente si legge sulla stampa nazionale, se non per le vicende modaiole del Billionaire. Lo sa il vento è un viaggio in alcuni angoli d’inferno che stanno dietro le quinte di un paradiso, la storia paradossale della terra che vede alcuni dei più incontaminati e suggestivi tratti di Mediterraneo convivere con bombe ambientali sul punto di esplodere: inquinamento elettromagnetico, fanghi tossici, rifiuti pericolosi, scorie che un selvaggio abuso militare e industriale porta con sé, e ancora poligoni militari, la più grande raffineria del bacino del Mediterraneo, uno stuolo di produzioni industriali ad alto impatto sanitario ambientale.  Dopo decenni di complicità, omissioni e silenzi, c’è chi contro le guerre simulate e gli abusi mascherati ha dichiarato una vera e quotidiana battaglia. Quella per avere la verità sul proprio destino.
 
Gli autori dell’inchiesta sono due bravi e coraggiosi giornalisti, Carlo Porcedda, collaboratore di diverse testate tra cui L’Espresso e Repubblica, e Maddalena Brunetti, cronista di nera e giudiziaria, cagliaritana di adozione e collaboratrice di Sardegna Quotidiano e l’Agi.
 

PROSSIMAMENTE CON MIELEAMARO


 
Martedì 24 gennaio alle 19 e alle 21,30 per Caramelle dagli sconosciuti Nel grande show della democrazia (Laurana)di e con Marco Bosonetto. Introduce: Massimo Spiga

 
Giovedì 26 gennaio alle 19 al Manàmanà, A loro il tentativo di chiudermi a metà di e con Decimo Cirenaica

 
Giovedì 2 febbraio alle 19 al Manàmanà Hidalgos, Arkadia, di e con Nicolò Migheli.


 
Venerdì 10 febbraio alle 19 al Manàmanà Alberto Masala
 

Per rinfrancar lo spirito… tra un libro e l’altro

Dal momento in cui ho preso in mano il libro fino a quando l’ho rimesso a posto, non ho smesso di ridere per un solo momento. Un giorno ho intenzione di leggerlo. (Groucho Marx)