lunedì 29/10 i martiri di Palabanda, i nuovi appuntamenti e un’amletica vignetta

Cari amici,

lunedì 29 ottobre dalle 10 alle 13 all’Orto Botanico di Cagliari 200 anni dei Martiri di Palabanda: storia e narrazioni de s’annu doxi.  

In questo post potete trovare anche i nuovi  Prossimamente con mieleamaro e Per rinfrancar lo spirito tra un libro e l’altro con una nuova vignetta che tenta di dirimere un dubbio amletico…

Buona lettura

 MIELEAMARO IL CIRCOLO DEI LETTORI

con il sostegno di

fondaz1

presenta

lunedì 29 ottobre dalle 10 alle 13

Orto Botanico (già orti di Palabanda) – Cagliari

200 anni dei Martiri di Palabanda

quando i sardi morivano per la libertà

lunedì 29 ottobre dalle 10 alle 13 all’Orto Botanico di Cagliari, 200 anni dei Martiri di Palabanda  –quando i sardi morivano per la libertà, storia e narrazioni per celebrare l’anniversario della congiura di Palabanda.

Programma:

 Vittoria Del Piano e Federico Francioni, storici: CHI ERANO … (breve biografia).

Paola Alcioni“ SU DOXI,s’annu senza‘e istadi” (testo in lingua sarda che, attraverso un monologo in prosa poetica, ricostruisce il clima, le sensazioni, le emozioni che precedettero i fatti di Palabanda, dando voce a speranze e disillusioni).

Piero Marcialis, “SA CONGIURA DE PALABANDA” (racconta gli avvenimenti del 1812, dalla sera del 30 ottobre alla mattina del 31, dice poi della repressione che seguì con carcere e impiccagioni dei capi della congiura).

Nel 1812 esponenti del ceto professionale cagliaritano stabilirono un rapporto assai stretto con membri delle antiche corporazioni di arti e mestieri e, tramite loro, col popolo minuto delle “appendici” della città: l’obiettivo era dare vita a una sollevazione che rinnovasse le gesta del 28 aprile 1794 (cacciata dei governanti piemontesi) e ponesse fine all’intollerabile stato di carestia e fame, nonché all’asservimento istituzionale della Sardegna. La sollevazione popolare doveva avere luogo nella notte tra il 30 e il 31 ottobre, festa di Santu Sadurru (Saturnino, patrono di Cagliari) e mirava all’arresto di Vittorio Emanuele I e alla cacciata dei reali e della sua corte da Cagliari. Gli organizzatori furono scoperti e in tanti finirono impiccati o furono costretti in lunghi anni di prigionia. In tempi come quelli attuali, caratterizzati da una sempre più drammatica crisi dell’economia isolana e da un sempre più accentuato distacco fra la politica e la società civile, giova riflettere sull’esempio di quegli intellettuali, di quei giuristi, di quegli uomini del popolo, cioè di quei veri patrioti, di quei giusti, che impegnarono fino in fondo se stessiper assicurare alla Sardegna un futuro di sovranità e di dignità.

Organizza il Comitato Per la Memoria dei martiri di Palabanda, costituito tra gli altri da: ANPI, BIBLIOTECA UNIVERSITARIA di Cagliari, CONFEDERAZIONE SINDACALE SARDA, FONDAZIONE SARDINIA, ISTITUTO GRAMSCI della SARDEGNA, MIELE AMARO, RIPRENDIAMOCI LA SARDEGNA, ROTARY CLUB,TRAMAS DE AMISTADE

PS: Poiché l’ingresso all’Orto botanico è gratuito solo per chi ha più di 65 anni, gli altri dovranno comunicare all’ingresso di essere lì per la commemorazione dei Martiri di Palabanda e dell’importo del loro biglietto si farà carico il Comitato organizzatore

 PROSSIMAMENTE CON MIELEAMARO

Lettori stanchi delle solite presentazioni? Annoiàti dalle chiacchiere vacue? Ci pensa Mieleamaro! mercoledì 7 novembre torna al Manàmanà, a grande richiesta, Il Bibliofilo: giochi coi libri e sui libri. Giochi, premi e ospiti STRA-VA-NA-TI. Prime anticipazioni:

– condurrà il Superquiz e NON canterà per noi Rossella Faa;

– una parte del montepremi sarà costituito da libri autografati ed espressamente dedicati dagli autori ai vincitori dei giochi.

E non ho detto tutto…

A novembre: 

 

 

Festa di premiazione per Un infuso un racconto il concorso promosso da mieleamaro e Tisane di Sardegna

 

Cuori rossoblu (Condaghes) di Angela Latini. Con le illustrazioni di Bruno Olivieri

 

Giovedì 6 dicembre al Manàmanà, Colazione con i Modena City Ramblers di e con Milvia Comastri. Interviene Dario Cosseddu.

 

 

Per rinfrancar lo spirito… tra un libro e l’altro

 

Annunci

mercoledì 24/10 La terra degli aranci tristi di G. Kanafani, nuovi appuntamenti e la vignetta

Cari amici,

mercoledì 24 ottobre alle 18,00 al Mamàmanà dieci storie raccolte in un libro di un grande, indimenticato scrittore: La terra degli aranci tristi di Ghassan Kanafani.

In questo post trovate anche i nuovi appuntamenti in Prossimamente con mieleamaro e Per rinfrancar lo spirito tra un libro e l’altro con una nuova vignetta che celebra i 50 anni dell’agente 007.

Buona lettura

 MIELEAMARO IL CIRCOLO DEI LETTORI

con il sostegno di

 fondaz1

presenta

mercoledì 24 ottobre ore 18

Manàmanà di piazza Savoia – Cagliari

 

La terra degli aranci tristi

di Ghassan Kanafani

mercoledì 24 ottobre alle 18,00 al Mamàmanà di piazza Savoia a Cagliari La terra degli aranci tristi di Ghassan Kanafani. Intervengono Wasim Damash, Rossana Copez, Giuseppe Pusceddu, Fawzi Ismail. L’appuntamento è organizzato in collaborazione con Associazione Amicizia Sardegna Palestina.

 

La terra degli aranci tristi e altri racconti è una raccolta formata da dieci racconti brevi composti tra il 1956 e il 1962. Sono anni che segnano Ghassan Kanafani la cui vita è rappresentativa della storia della diaspora palestinese, dalla lotta per la sopravvivenza alla resistenza contro l’occupazione e per il ritorno in patria. In questi racconti Kanafani delinea i vari aspetti della tragedia palestinese: la pulizia etnica, il dramma quotidiano della vita da profughi, la memoria spezzata, la volontà di reagire. Come rivela lo stesso Kanafani, il racconto che dà il titolo alla raccolta, La terra degli aranci tristi, è autobiografico nel senso che descrive l’esodo a cui è stato costretto con la sua famiglia. Frammenti di una storia che lo stesso scrittore vive in prima persona, questi racconti sono un percorso verso una consapevolezza politica che riconduca alla Palestina.

Ghassan Kanafani (1936 – 1972), giornalista, scrittore, portavoce del Fronte Popolare di Liberazione della Palestina, è stato ucciso a trentasei anni in un attentato terroristico rivendicato dai servizi segreti israeliani. Considerato il caposcuola del racconto breve in lingua araba, è autore di racconti, romanzi, saggi letterari e politici, piéce teatrali e drammi radiofonici.

PROSSIMAMENTE CON MIELEAMARO

Lettori stanchi delle solite presentazioni? Annoiàti dalle chiacchiere vacue? Ci pensa Mieleamaro! mercoledì 7 novembre torna al Manàmanà, a grande richiesta, Il Bibliofilo: giochi coi libri e sui libri. Ospiti, giochi e premi STRA-VA-NA-TI!

A novembre: Festa di premiazione perUn infuso un racconto il concorso promosso da mieleamaro e Tisane di Sardegna

Giovedì 6 dicembre al Manàmanà, Colazione con i Modena City Ramblers di e con Milvia Comastri. Interviene Dario Cosseddu.

 Per rinfrancar lo spirito… tra un libro e l’altro

gio 18/10 Futuri in scena al Manà, sab 20/10 Arance, alcol, algebra a Dolianova, i prossimamente e la vignetta

Cari amici,

a volte ritornano, e meno male! questa è la settimana di Daniele Barbieri, ospite di mieleamaro per due coinvolgenti, interessanti e interattive conferenze -spettacolo:

  • giovedì 18 alle 18 al Manàmanà Futuri in scena;
  • sabato 20 alle 18,30 a Dolianova Arance, alcool, algebra: giochi e storie sull’identità (con una coda mangereccia).

In questo post potete trovare anche i Prossimamente con mieleamaro e Per rinfrancar lo spirito tra un libro e l’altro con una nuova irresistibile vignetta rubata dal New Yorker e tradotta solo per voi.

Buona lettura

 

 MIELEAMARO IL CIRCOLO DEI LETTORI

con il sostegno di

 fondaz1

presenta

giovedì 18 ottobre ore 18

Manàmanà di piazza Savoia – Cagliari

per costruire un futuro bisogna prima sognarlo”

Futuri in scena

di e con Daniele Barbieri

Giovedì 18 alle 18 al Manàmanà di piazza Savoia a Cagliari non perdetevi Daniele Barbieri e la sua profonda (ma straordinariamente leggera), serissima (ma irresistibilmente divertente), colta (ma indubitabilmente popolare), visionaria (ma tremendamente concreta) conferenza – chiacchierata – spettacolo Futuri in scena. Peggio per chi non c’è!

Futuri in scena – Tempi di crisi & mondializzazione & boh… cioè senza desideri e senza progetti per il domani. La buona fantascienza può esser utile per il futuro? Anzi per i molti futuri possibili.

Daniele dice di sì, che per costruire un futuro bisogna prima sognarlo. Proverà a farlo rubando storie (cioè desideri e paure) a Isaac Asimov, James Ballard, Fredric Brown, Italo Calvino, Philip Dick, Valerio Evangelisti, Ursula Le Guin, Frederik Pohl, Robert Sawyer, Robert Sheckley, Alice Sheldon… più un italiano famoso che si nascose dietro pseudonimo.

Daniele Barbieri ha un piede nel mondo cosiddetto reale – dove fa il giornalista e un altro piede in quella che di solito si chiama fantascienza (ne ha scritto spesso con Riccardo Mancini, per esempio in Di futuri ce n’è tanti, pubblicato da Avverbi). Con il terzo e il quarto piede –non vi stupite – salta dal reale al fantastico: ne ha raccontato qualcosa con Hamid Barole Abdu in Le scimmie verdi (dopo quasi 150 repliche è andato in freezer) e con altre/i complici in Il tranquillo calduccio della pauraL’accademia ma anche in altri giochi teatrali e/o jam session di parole. Sul futuro delle città ha scritto (con Vincenzo Cossu) nella raccolta «Il dolce avvenire», uscita da Diabasis. Mentre nell’antologia «Rondini e ronde»pubblicata da Mangrovie, si chiede se per caso quest’anno sia il 1933Ha scritto di catastrofi e fantascienza in Calendario della fine del mondo e un suo pezzo, Cart – a – Lina è inserito nel secondo numero di MieleAmaro intitolato Viaggio letterario nell’isola di Sardegna

Sabato 20 ottobre ore 18,30

Biblioteca Comunale di Dolianova

Occhi bassi, tazzine di caffè, parolacce, biglietti da visita, il figlio della gobba, il Togo, la giusta distanza…”

Arance, alcool, algebra: giochi e storie sull’identità

di e con Daniele Barbieri

(+ una coda mangereccia…)

Sabato 20 ottobre a Dolianova, nella biblioteca comunale di piazza Brigata Sassari, Arance, alcool, algebra: giochi e storie sull’identità  due ore con Daniele Barbieri. Al termine, poco lontano, presso le sede dell’associazione Camineras in via Soleminis 34, ancora chiacchiere intorno a un ricco buffet interetnico (adesione a offerta, per autofinanziamento) : falafel come se piovesse, hummus vero, moussaka vegetariana e non, babaganoush da leccarsi i baffi, etc, etc…

Occhi bassi, tazzine di caffè, parolacce, biglietti da visita, il figlio della gobba, il Togo, la giusta distanza… Giocando con le persone presenti (e trasformandone alcune da spettatori in spett-attori o spett-attrici) un giornalista romanaccio che abita in Emilia – sposato con una veneta ma con figlio sardo – racconta storie e si fa domande (per esempio sulla differenza fra le bestemmie in Veneto e in Toscana) per riflettere poi sulla sua identità italiana ma anche su cosa significhi “razza umana”.

Fra le persone che interverranno forse alcune sono appassionate di scommesse: sono avvisate che Barbieri proporrà una velocissima sfida (con giuria neutrale) di un centesimo contro un euro. Chi se la sente… porti il centesimo (per ovvie ragioni non si accettano assegni o “pagherò”) e Daniele Barbieri avrà in tasca l’euro. Sembra corretto precisare che finora nessuno ha mai sconfitto Barbieri.

PROSSIMAMENTE CON MIELEAMARO

mercoledì 24 ottobre alle 18,00 al Mamàmanà La terra degli aranci tristi di Ghassan Kanafani. Intervengono Wasim Damash, Rossana Copez, Giuseppe Pusceddu

Lettori stanchi delle solite presentazioni? Annoiàti dalle chiacchiere vacue? Ci pensa Mieleamaro! mercoledì 7 novembre torna, a grande richiesta, Il Bibliofilo: giochi coi libri e sui libri. Ospiti, premi e giochi STRA-VA-NA-TI. 

Per rinfrancar lo spirito… tra un libro e l’altro

domenica 14 a Dolianova c’è Rossella Faa, i prossimame​nte e una nuova vignetta

Cari amici,

domenica 14 a Dolianova c’è Rossella Faa, con il suo nuovo lavoro Sighi Singin’: divertimento e spettacolo sono garantiti.

In questo post potete trovare anche i Prossimamente con mieleamaro e Per rinfrancar lo spirito tra un libro e l’altro, la rubrica che ci ha reso famosi in tutto il condominio dei lettori.

Buona lettura

 

 MIELEAMARO IL CIRCOLO DEI LETTORI

con il sostegno di

 fondaz1

presenta

Domenica 14 ottobre ore 18

Spazio Snack Bar, Dolianova

Noi femmineabbiamo paura di molte cose. Ma il peggio è che dietro molte paure, spesso legittime, si nascondono retropensieri morbosi che le aggravano di vergogna e le rendono davvero insopportabili”.

Sighi Singin’ (libro & CD)

di e con Rossella Faa

Domenica 14 ottobre a Dolianova, alle 18, Rossella Faain Sighi Singin(Tiligù). Spettacolo e divertimento sono garantiti! Un mondo di topi, ragni, blatte, fantasmi che spesso parlano (e cantano) in prima persona. E l’ironia con cui i topi di fogna invasori affrontano“l’altro”, cioè l’uomo (“tui puru ses leggia, ma deu no mi pongiu a tzerriài” / “anche tu sei brutta, ma io non mi metto a urlare”), si mescola alle citazioni più varie, come Salvatore Satta e Baumann, o alle riflessioni di Sig.ra Rosa o Laura S. Com’è consolante sapere che esistono eccezionali rimedi alle nostre angosce, e grazie a Sighi Singin’ potremo scoprirli e cantarli uno per uno, in una miscela di generi più diversi: jazz, bossa nova, salsa, e frammenti di pop, rock e reggae. Testi in sardo, italiano e inglese.

Rossella Faa è una autrice molto conosciuta in Sardegna e con il suo penultimo album Baa-bàha venduto più di tremila copie nell’isola. Sulla scia di questo grande successo, l’Unione Sarda le ha pubblicato un cd monografico all’interno di una collana dal titolo Donne. Stelle della Sardegna. Rossella Faa ha studiato Composizione ed è diplomata in Strumentazione per banda. Negli anni ’80 ha cominciato a scrivere per le Balentes e, insieme ad Augusto Pirodda, ha realizzato i cd Balentes,Cantanoe il singolo Cixiri. Tra il ’93 ed il ’95 ha studiato Arrangiamento jazz a Bologna e a Siena. Lì ha fatto anche le prime esperienze teatrali. Ora scrive musiche di scena e, se capita, recita. Da tre anni conduce un programma radiofonico a Radio Sardegna (Rai 1 regionale), per il quale compone parte delle musiche.

PROSSIMAMENTE CON MIELEAMARO

giovedì 18 ottobre alle 19 al Manàmanà di piazza Savoia a Cagliari Futuri in scena, una lezione spettacolo con Daniele Barbieri

 

sabato 20 ottobre a Dolianova Arance, alcool, algebra: giochi e storie sull’identità una lezione spettacolo con Daniele Barbieri

Per rinfrancar lo spirito… tra un libro e l’altro

concorso un infuso un racconto: ecco i vincitori!

Non è stato facile scegliere, per il numero dei lavori pervenuti (più di 100) e per la qualità generale dei miniracconti presentati.

I giurati (Luciano Marrocu, Gianna Lai, Antonello Murgia, Vincenzo Onorati) hanno espresso le loro scelte non avendo in alcun modo elementi che potessero ricondurre i racconti ai loro autori (e leggono anche loro solo ora i nomi). Ogni giurato aveva il compito di segnalare in ordine di preferenza i nove elaborati a suo giudizio meritevoli della vittoria e, considerata la non unanimità delle scelte espresse, si è dovuto procedere ad una ulteriore selezione che ha individuato i racconti più votati.

Possiamo sicuramente affermare che il concorso Un infuso un racconto è stato finora un successo. Manca la premiazione, che si terrà a Cagliari entro novembre 2012. Siete tutti invitati. Di seguito l’elenco dei vincitori

A tutti coloro che hanno partecipato e non sono tra i nove prescelti: GRAZIE!, vi annunciamo che si saranno prestissimo altre occasioni.

Gianni Stocchino per mieleamaro

 

I VINCITORI (in ordine alfabetico):

CARLO ANTONIO BORGHI: Interferenza

ANGELA CADDEO: Un the inglese

MICHELA CARCASSI: Ormai è tardi

STEFANO FOZZI: La vita in 23 righe

MARIA ANTONIETTA MARRAS: Ludwig

ELVIRA SCANU:  Diario di una sedia

SILVIA SERAFI:  Il tè delle cinque

ANDREA SERRA: La memoria

ANTONINA USAI:  Pensieri